Ingenti quantita’ di olio di semi di girasole contenete coloranti per assomigliare a olio d’oliva destinato ad essere spacciato per extravergine, scoperto dal Nucleo di Polizia economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli nel Salernitano, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura di Napoli Nord. L’olio rintracciato dai finanzieri in alcune cisterne localizzate nella zona di Angri. Il ritrovamento e’ avvenuto nell’ambito di un’altra attivita’ investigativa, sempre finalizzata a contrastare la contraffazione di spumante di bassa qualita’ destinato ad essere spacciato per champagne francese. L’olio era destinato ad essere venduto con i marchi di tre notissime aziende alimentari che, in questa vicenda, risultano parte lesa.

Le fiamme gialle hanno quindi unito le forze con una task force di ispettori dell’Unita’ Investigativa specializzata centrale dell’ICQRF che si stavano occupando delle stesso filone investigativo. Una sinergia frutto di un protocollo stilato tra il Comando Generale della Guardia di Finanza e l’Ispettorato Centrale controlli di qualita’ del Ministero politiche agricole, alimentari e forestali stipulato lo scorso anno.