Un 44enne casertano arrestato dai Carabinieri in quanto ritenuto responsabile dell’incendio doloso che ha distrutto un esercizio commerciale a Casagiove la notte dello scorso 15 giugno. I militari hanno eseguito nei confronti del 44enne un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della Procura aversana. Le indagini condotte dai Carabinieri della stazione di Casagiove, attraverso l’analisi delle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza pubblici e dello stesso esercizio commerciale, hanno consentito di identificare in F.A. l’uomo che ha appiccato l’incendio. Si è inoltre accertato che, pochi minuti prima, il 44enne si era fermato con la sua auto in un vicino distributore di carburante, dove ha impregnato con la benzina delle stoffe poi utilizzate insieme a liquido infiammabile come innesco per l’incendio.

Gli accertamenti svolti subito dopo l’accaduto avevano già consentito di localizzare l’auto con la quale lo stesso aveva raggiunto il locale, al cui interno c’erano alcuni stracci imbevuti di liquido infiammabile. Nel corso della perquisizione domiciliare trovati ulteriore liquido infiammabile e gli indumenti indossati nel corso del raid incendiario. Secondo quanto ricostruito, il movente sarebbe da ricondursi a dissidi tra l’indagato e i responsabili del negozio, che lo accusavano di un furto commesso nei giorni precedenti. Il 44enne, vistosi scoperto, aveva minacciato gli esercenti esternando la sua volontà di incendiare il locale.