Una lettera consegnata ad amici e alla sua psicoterapeuta, in cui faceva affiorare nero su bianco il dolore per il razzismo vissuto quotidianamente sulla sua pelle. Seid Visin, 20enne di origini etiopi, si è suicidato nella sua casa a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. Si era trasferito in Italia a soli 7 anni, adottato da una famiglia della città campana in cui viveva e aveva giocato nelle giovanili di Inter, Milan e Benevento. Una carriera professionistica abbandonata nel 2016 e una vita segnata dagli “sguardi schifati per il colore della mia pelle“. Lo scrive di suo pugno, in una lettera riportata dal Corriere della Sera che dà conto della discriminazione che il giovane ha dovuto affrontare. E che pesava tantissimo.

Il testo

“Ovunque io vada, ovunque io sia, sento sulle mie spalle come un macigno il peso degli sguardi scettici, prevenuti, schifati e impauriti delle persone”, scrive Seid, ricordando quanto quelle occhiate gli ricordassero che il colore della sua pelle instillasse – ad esempio – il dubbio che fosse un ladro nei negozi, o un borseggiatore sui mezzi pubblici. Nella lettera Seid rivendicava poi di non essere “un immigrato”, visto che la sua storia in Italia inizia con l’adozione a soli 7 anni. Allora, continua “ricordo che tutti mi amavano. Ovunque fossi, ovunque andassi, tutti si rivolgevano a me con gioia, rispetto e curiosità. Adesso sembra che si sia capovolto tutto”.

“Ero riuscito a trovare un lavoro che ho dovuto lasciare perché troppe persone, specie anziane, si rifiutavano di farsi servire da me e, come se non mi sentissi già a disagio, mi additavano anche come responsabile perché molti giovani italiani (bianchi) non trovassero lavoro”.