Una delle regole per avere il reddito di cittadinanza era che non fosse erogato a persone con condanne per camorra. Ma a Napoli questa prescrizione e’ spesso aggirata gia’ nella compilazione della certificazione ai centri di assistenza fiscale. Questa mattina in sessanta sono stati denunciati per truffa. A ricevere il beneficio sono nuclei familiari con pregiudicati condannati per associazione di stampo mafioso, molti in carcere. Avevano la card con cui ogni mese spendevano dai 400 agli 800 euro. Senza averne alcun diritto. Questa mattina, il nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Napoli ha eseguito 60 perquisizioni.

Quartieri e città

Sequestrati anche 700 mila euro indebitamente percepiti dagli indagati nel periodo aprile 2019-aprile 2021 e le carte prepagate utilizzate per l’erogazione del beneficio. Le perquisizioni e i sequestri sono eseguiti in diverse zone della citta’ di Napoli, tra cui Miano, Scampia, Secondigliano, Soccavo, Pianura, Fuorigrotta, Poggioreale e Barra Ponticelli. Nonche’ in altre localita’ della provincia partenopea, tra le quali, Ercolano, Portici, Pozzuoli, Qualiano, Melito, Casoria e Mugnano.