Camminava sul ciglio dell’autostrada A1 in direzione Capodichino il ragazzino di 13 anni originario della provincia di Caserta assistito ieri pomeriggio da una pattuglia della sottosezione Polizia Stradale di Napoli Nord. Il giovane, stremato e assetato, ha raccontato che volendo raggiungere un amico residente nella provincia di Napoli, era salito a bordo di un treno regionale ma per distrazione invece di scendere alla fermata giusta era sceso alla Stazione Centrale di Napoli. Sceso dal treno e non avendo denaro sufficiente per acquistare un nuovo biglietto ferroviario il giovane, dopo aver impostato sul navigatore del proprio telefono cellulare l’indirizzo dell’amico, si era avviato a piedi seguendo le indicazioni del navigatore, trovandosi cosi’ dopo circa 90 minuti di cammino sull’autostrada dove il cellulare si era spento per l’esaurimento della batteria.

I poliziotti hanno accompagnato il minore negli uffici della Sottosezione della Polizia Stradale di Napoli Nord dove, dopo averlo rifocillato e dissetato, hanno contattato i genitori, giunti poco dopo, con i quali ha fatto rientro a casa.