Home Cronaca “Pezzotto Tv”: oscurati altri 600 tra siti e piattaforme per gli Europei,...

“Pezzotto Tv”: oscurati altri 600 tra siti e piattaforme per gli Europei, identificati 100mila clienti

Seicento tra siti web, server e piattaforme Iptv pirata per la trasmissione ‘abusiva’ a pagamento delle partite dei Campionati Europei di calcio oscurati dalla Guardia di Finanza. L’operazione condotta dal Nucleo speciale tutela privacy e frodi tecnologiche delle Fiamme Gialle e coordinata dalla procura di Napoli. A quanto si e’ appreso dagli investigatori, grazie a nuovi strumenti e innovative tecniche di indagine digitale sono identificati in tempo reale i “clienti” dei servizi illegali. Ieri erano collegate oltre 100mila persone, senza pero’ eseguire perquisizioni ma agendo ‘da remoto”.

I sequestri hanno riguardato: 276 siti vetrina, utilizzati per la promozione e commercializzazione di servizi Iptv illegali collegati alla manifestazione calcistica Euro 2020; 142 infrastrutture Iptv, attraverso cui sono materialmente trasmessi i flussi audiovisivi pirata;. 30 siti di live streaming, che offrono la possibilita’ di visualizzare in streaming le partite del campionato europeo di calcio mediante appositi link e 164 linking site, da cui e’ possibile “scaricare” per mezzo di cyberlocker contenuti protetti dal diritto d’autore, in questo caso le partite.

L’attivita’, spiegano dagli investigatori, e’ partita dalla Uefa che, in qualita’ di titolare dei diritti di trasmissione dell’evento, ha segnalato la proliferazione di portali dediti allo streaming illegale delle partite in prossimita’ dell’inizio della manifestazione calcistica europea. Le prime attivita’ investigative della Guardia di Finanza hanno riguardato l’identificazione e il monitoraggio dei servizi e delle risorse Iptv streaming illegali a partire dalla cerimonia inaugurale di Roma dello scorso 11 giugno.

Posting....
Exit mobile version