Home Cronaca Pestato, torturato e preso in ostaggio perché gay: aperta inchiesta su fatti...

Pestato, torturato e preso in ostaggio perché gay: aperta inchiesta su fatti di Torre

La Procura di Torre Annunziata ha aperto un fascicolo, al momento verso ignoti, in merito al presunto atto di violenza subito nel quartiere Penniniello da un giovane di 34 anni perche’ omosessuale. E’ cio’ che si apprende dagli ambienti del palazzo di giustizia oplontino. Per ora si procede partendo dal solo racconto fatto dalla persona offesa agli organi di informazione, non essendo stata presentata ancora denuncia alle forze dell’ordine. Nel suo racconto la vittima ha parlato di un ”branco” composto da sette persone che avrebbero accerchiato l’auto sulla quale il trentaquattrenne era fermo insieme con un’amica (riuscita a scappare) in via Settetermini. Qui lo avrebbero aggredito e seviziato, con lo spegnimento di due cicche di sigarette su un braccio.

Mobilitazione intanto a Torre Annunziata dove si prepara una mobilitazione di massa per i diritti della comunità Lgbt. Anche la politica locale si è espressa fermamente contro queste violenze.

Exit mobile version