Legati con catene e in condizioni igienico-sanitarie precarie. Sono 43 i cani ritrovati di carabinieri della stazione di San Marco dei Cavoti in un terreno su cui sorge un deposito dove erano tenuti gli animali. I militari dell’Arma hanno denunciato un uomo e una donna del posto, marito e moglie, per maltrattamento di animali e deposito incontrollato di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

I militari sono intervenuti in un’area vicina all’abitazione dei coniugi, insieme a personale del servizio veterinario dell’Asl. La coppia aveva realizzato delle cucce precarie in lamiera, prive di pavimentazione e a contatto diretto con il terreno, al cui interno si trovavano 43 cani di diverse razze in precarie condizioni. Trovati anche scarti di macellazione bovina e un’area a diretto contatto con il terreno sulla quale erano sistematicamente bruciati e depositati rifiuti di vario genere, con conseguente inquinamento ambientale.