Muore mentre disputa un memorial di calcetto in ricordo del fratello. Un tragico destino quello di Giuseppe Perrino, 29 anni, calciatore che ieri sera si e’ accasciato in campo, davanti agli occhi increduli di amici e compagni, mentre disputava un torneo rionale a Poggiomarino, per ricordare il fratello Rocco. Morto anch’egli per un malore nel 2018, mentre si allenava in bicicletta. Quella che doveva essere una commemorazione, si e’ invece trasformata in tragedia per la famiglia Perrino, ancora scossa per la morte di Rocco. E che ora piange l’altro suo figlio, Giuseppe, che voleva onorare il fratello facendo quello che meglio sapeva fare, giocare a calcio.

La carriera

Il 29enne aveva militato giovanissimo nel Parma, per poi vestire le maglie del Sapri, Ebolitana, Battipagliese, Turris, Real Poggiomarino, Bellaria, Vigor Lamezia, Scafatese, Pimonte e Solofra. Tutte squadre che oggi lo ricordano con affetto, e che si uniscono al dolore immane della famiglia. Tanti i ricordi sui social network da parte di dirigenti, tifosi e ex compagni di squadra del giovane calciatore. Giuseppe ieri sera era sceso in campo per disputare il torneo rionale tradizionalmente intitolato a giovani atleti scomparsi. Quest’anno dedicato anche al fratello Rocco (insieme con un’altra persona) quando ha avuto un malore e si e’ accasciato al suolo. Inutili i soccorsi del personale del 118. Per Giuseppe non c’era nulla da fare.

Le indagini come atto dovuto

La salma del giovane e’ stata sequestrata su disposizione dell’autorita’ giudiziaria, e portata nell’obitorio di Castellammare di Stabia per l’esame autoptico. La notizia della morte di Giuseppe ha fatto il giro della cittadina vesuviana in poco tempo, ed il sindaco Maurizio Falanga ha immediatamente annullato la cerimonia di accensione delle luci del tricolore sulla facciata del Comune, prevista allo scoccare della mezzanotte per la Festa della Repubblica.

Il sindaco

”Solo qualche giorno fa – ha spiegato Falanga – ho inaugurato il torneo rionale e ricordato Rocco. Ieri sera quest’altra tragica fatalita’ che ci ha spinto ad annullare la cerimonia per la Festa della Repubblica, abbiamo preferito dare il nostro cordoglio ad una famiglia gia’ duramente provata, alla quale esprimo la vicinanza di tutta la nostra comunita’. Giuseppe purtroppo si ricongiunge all’amato fratello Rocco. Giuseppe era molto bravo, ha fatto provini in squadre importanti, e spesso il papa’ lo seguiva sul campo”.