“Abbiamo consegnato un altro immobile confiscato alla criminalità organizzata in via Don Morosini, ad una famiglia indigente della nostra città. Il nucleo familiare selezionato, come vuole la norma, dalla graduatoria degli aventi diritto agli alloggi popolari”. A dirlo il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno. “Sono 3 finora gli alloggi confiscati, consegnati alle famiglie in difficoltà, che ne hanno fatto richiesta e continueremo in tale attività. Segnale della programmazione che da tempo stiamo attuando contro il disagio abitativo e a sostegno delle fasce deboli. Interventi che si aggiungono a tutte le misure che, d’accordo con l’assessore alle Politiche Sociali, Giuseppe Giordano, abbiamo messo in campo per dare aiuti concreti ai cittadini in difficoltà”.
“La famiglia che da oggi potrà vivere in una nuova casa, dopo anni di attesa in un alloggio provvisorio, è composta da 5 persone, tre adulti e due minori. Ogni volta che consegniamo un appartamento a chi ne ha necessità è sempre un’emozione, in quanto contribuiamo a dare dignità e sicurezza ai nostri concittadini e a restituire la speranza, dopo anni di difficoltà. Sui beni confiscati negli ultimi anni c’è uno sforzo enorme, considerando anche l’alto valore simbolico e sociale che tali azioni hanno per l’intera comunità. Un lavoro che sta producendo importanti risultati per la collettività. Il riutilizzo di questi beni infatti, rappresenta una buona pratica amministrativa, ma soprattutto ci permette di sostenere le persone in difficoltà”.