Mentre le indagini sulla strana morte del ginecologo campano Stefano Ansaldi, trovato sgozzato il 19 dicembre vicino alla stazione Centrale di Milano, non sono ancora chiuse e potrebbe arrivare, pero’, una richiesta di archiviazione, i legali della famiglia del medico hanno predisposto una consulenza di parte. Consulenza dalla quale si configurerebbe l’ipotesi dell’omicidio, come alternativa a quella del suicidio, confermata dagli esiti finali dell’autopsia nelle indagini della Procura e dei carabinieri. L’inchiesta, di cui era titolare il pm Adriano Scudieri (dal primo giugno alla Procura Europea), è riassegnata dall’aggiunto Laura Pedio al pm Cecilia Vassena, che nelle prossime settimane dovra’ trarre le conclusioni.

Il dramma personale

L’ipotesi prevalente e’ quella del dramma personale, dopo che inquirenti e investigatori hanno lavorato per accertare ogni elemento su un possibile omicidio in una vicenda piena di particolari strani. La consulenza, che al momento non e’ ancora depositata agli inquirenti milanesi, è richiesta dall’avvocato Francesco Cangiano e affidata al medico legale Fernando Panarese. Un pool di esperti nominati dalla Procura aveva concluso per l’ipotesi del “gesto autolesivo”, mentre la famiglia e’ sempre convinta che il 65enne non sia ucciso. E secondo la consulenza, da una persona che aggredendolo alla spalle gli ha reciso la gola.

Le indagini

Dalle indagini, pero’, e’ emerso che i testi, che hanno visto cadere a terra il medico sotto un’impalcatura in via Macchi, non hanno visto il presunto aggressore scappare. Le stesse telecamere di sorveglianza della zona non hanno inquadrato persone sospette in fuga. Vicino al corpo sono ritrovati il Rolex di Ansaldi (aveva difficolta’ finanziarie ed era arrivato quel giorno col treno da Napoli) e una valigetta con pochi oggetti personali. Ansaldi indossava guanti in lattice e sul coltello non sono state trovate impronte.

Si e’ cercato di capire se il ginecologo avesse un appuntamento, ma dalle indagini non sono arrivate conferme. Se i pm chiederanno l’archiviazione, la famiglia si opporra’ e la parola a quel punto passera’ al gip.