Sono più di 6mila i residenti in penisola sorrentina, tra i quali circa 3mila dipendenti delle imprese alberghiere locali, alle quali è somministrata almeno la prima dose del vaccino anti-Covid all’interno dell’hub allestito da Federalberghi Penisola sorrentina in collaborazione con l’Asl Napoli 3 Sud. È il bilancio dell’iniziativa avviata il 10 maggio scorso e destinata a concludersi nelle prossime ore. Il lavoro svolto nei quattro box vaccinali allestiti all’interno della sala conferenze dell’hotel Vesuvio, come si legge in una nota di Federalberghi Campania, ha dato impulso alla campagna di immunizzazione in penisola sorrentina e messo in sicurezza il personale delle strutture ricettive che così si prepara ad accogliere gli ospiti in completa sicurezza.

“Abbiamo centrato il nostro duplice obiettivo – sottolinea Costanzo Iaccarino, presidente di Federalberghi Penisola sorrentina – Aver immunizzato la totalità del personale delle strutture alberghiere aderenti alla nostra associazione consentirà a dipendenti e collaboratori di lavorare tranquillamente, ma rappresenta anche un incentivo per i turisti che ora possono prenotare il loro soggiorno in penisola sorrentina dove troveranno alberghi sicuro e attrezzati per affrontare eventuali emergenze. Soprattutto, però, Federalberghi ha offerto a migliaia di persone che non lavorano nelle strutture aderenti di essere vaccinate dal Covid, contribuendo così a velocizzare la campagna di immunizzazione in tutta la penisola sorrentina”. Da Federalberghi un “ringraziamento particolare alle ditte Mormile e Meginet che hanno garantito il supporto logistico e tecnico indispensabile per la buona riuscita del progetto. E alla famiglia Acampora che ha messo a disposizione l’hotel Vesuvio all’interno del quale è allestito l’hub vaccinale”.