“Anche l’ultimo paziente Covid è stato dimesso dal San Giovanni Bosco- riporta una nota dell’Asl Napoli 1- Nel contesto epidemiologico in progressivo e deciso miglioramento, potrà tornare prestissimo alla sua normale attività di supporto alla rete dell’emergenza urgenza come Dea di I livello”.

“Il San Giovanni Bosco, grazie all’impegno e alla professionalità di tutto il nostro personale, è stato un presidio molto importante per  consentire di reggere all’onda d’urto del virus nei momenti più difficili”- spiega il direttore generale Ciro Verdoliva- “Ora però è giusto che il presidio venga restituito alla città nel contesto della sua normale attività assistenziale!”.

Un passaggio non solo fortemente simbolico- recita un breve comunicato dell’Ansa-perché rappresenta un progressivo ritorno alla normalità, ma anche pratico, perché il presidio potrà tornare in breve tempo ad erogare servizi essenziali in un’area critica della città nell’ambito della rete emergenza-urgenza. Proprio per questo l’ASL Napoli 1 Centro ha già programmato per i prossimi giorni la completa sanificazione dei reparti e una disinfezione straordinaria di tutti i locali finalizzata a ripristinare, a far data dal 14 giugno 2021, l’attività di Dea I livello e l’attivazione del Pronto Soccorso al massimo entro il 21 giugno 2021.

Fonte: Ansa