Hub realizzati negli ospedali dove esistono appositi gruppi elettrogeni per fronteggiare eventuali mancanze di corrente elettrica, 35 punti vaccinali e 108 postazioni attive. Sono i numeri legati alla campagna vaccinale anti-Covid dell’Asl Napoli  3 Sud. A sciorinarli e’ il direttore sanitario dell’azienda sanitaria Gaetano D’Onofrio, che fuga subito i dubbi: ”Per la nostra organizzazione non c’e’ il rischio che possano essere perduti carichi di vaccino a bassissime temperature a causa della improvvisa mancanza di energia elettrica per  eccessivi consumi registrati in questi giorni”.

Poi D’Onofrio evidenzia la strategia seguita per assicurare una capillare campagna vaccinale nei comuni serviti dalla Napoli 3 Sud: “Nei punti vaccinali infatti sono inviate solo le scorte giornaliere necessarie, prelevate dai vigili urbani dei singoli comuni quotidianamente a Gragnano. Anche i vari centri sono realizzati con la disponibilita’ dei sindaci, che c’è da dire hanno tutti fornito le loro strutture a titolo totalmente gratuito”.