I carabinieri forestali hanno sequestrato un tratto lungo 200 metri dell’alveo Scipione/campagna nel comune di Brusciano. Era totalmente ostruito da rifiuti di ogni tipologia. Infatti, c’erano rifiuti speciali, pericolosi e non. Trovati scarti agricoli, imballaggi in polistirolo, imballaggi in plastica contenenti fitofarmaci (prodotti pericolosi e nocivi), rifiuti combusti, fusti vuoti in ferro, plastiche e pedane in legno. In caso di forti precipitazioni le acque, a causa dei rifiuti presenti nell’alveo, avrebbero potuto tracimare andando a invadere i campi coltivati. Mettendo quindi a rischio l’ambientale circostante e il raccolto dei contadini. L’aria, inoltre, era pervasa da un odore nauseabondo causato dai rifiuti in putrefazione.

Il sequestro

I militari hanno sequestrato il tratto finito sotto esame ipotizzato il reato di smaltimento illecito di rifiuti, discarica abusiva, miscelazione dei rifiuti e combustione illecita di rifiuti. L’alveo controllato è un affluente del lagno vecchio che si estende nelle campagne tra Acerra e Marcianise, tra le province di Napoli e Caserta.