Home Articoli in Evidenza Boom di tumori polmonari nel Vesuviano, De Luca fa partire l’indagine sui...

Boom di tumori polmonari nel Vesuviano, De Luca fa partire l’indagine sui pozzi contiminati

“Abbiamo in Campania un enorme numero di pozzi abusivi. Nello studio che abbiamo promosso abbiamo dato vita a norme uniche innovative, su tutte il catasto delle utenze idriche”. Cosi’ il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della presentazione dello studio di biomonitoraggio ambientale “Spes” con l’Istituto zooprofilattico del Mezzogiorno. “Abbiamo scoperto che si utilizzava acqua non controllata anche negli allevamenti – aggiunge – e abbiamo quindi dato avvio a un lavoro strutturale per censire e denunciare”. Sul versante sanitario De Luca ha aggiunto: “Con la nostra indagine abbiamo rilevato la presenza di tumori polmonari in fascia peri-Vesuviana, sono risultati il lascito di precedenti lavorazioni con l’amianto nelle aree portuali, risalenti 10-20 anni prima. Il valore di questa indagine mettera’ il nostro Sistema sanitario regionale in condizione di attuare un piano di contrasto mirato rispetto alle cause ambientali determinanti problemi oncologici”.

Un’indagine capillare sui livelli di inquinamento e sulle sue cause per acqua, aria e terra in Campania, per verificarne gli effetti sulla salute umane e indirizzare la medicina preventiva. E’ l’obiettivo che Spes, uno studio condotto dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, si e’ prefissato su indicazione della Regione Campania. Ne e’ nato un protocollo che l’Izsm di Portici intende lanciare come modello per altri territori. Dai dati raccolti nell’arco di cinque anni, su una adesione volontaria di 30mila persone, dalle quali sono stati poi selezionati 4200 soggetti da sottoporre a un monitoraggio attraverso analisi di urine, sangue e feci, studio dello stile di vita, in relazione all’ambiente circostante e ai suoi fattori inquinanti, sono emerse situazioni in alcuni casi in contrasto con le informazioni conosciute finora.

Exit mobile version