Anna Striano a febbraio prende il Covid, nessun sintomo o quasi e dopo poche settimana torna negativa senza alcuno strascico della terribile infezione che ha attanagliato l’Italia ed il mondo intero. Fino qui una storia normale, anche se il Covid di normale ha ben poco, ma che si e’ comunque risolta con un lieto fine. Se non fosse per il fatto che Anna a febbraio ha compiuto 100 anni, 5 febbraio 1921. Un traguardo straordinario che rende ancora più straordinaria una storia di Covid.

Il figlio di Anna torna a casa da alcuni controlli ospedalieri e porta, purtroppo, il coronavirus in famiglia proprio mentre, seppure in pochi, i quattro figli di Anna festeggiavano i suoi 100 anni insieme a 2 cognati ed un nipote. La famiglia si contagia tutta, il figlio di Anna passa 74 giorni in ospedale dove vede morire amici giovani e meno giovani. Il resto della famiglia, con pochi danni ma qualche strascico postumo, esce dal Covid, ma nonna Anna è sempre lì, la più forte di tutti.

Adesso va bene

Anna e’ accudita amorevolmente dalla figlia Caterina di anni 73 che la tiene con sè a San Giorgio a Cremano da quattro anni. ” I napoletani hanno un cuore grande ed io – dice Caterina – sono orgogliosa di esserlo e per questo, seppure tra mille difficoltà, non ha mai pensato di mandare mia madre altrove”.

Una donna – racconta dal canto suo l’altra figlia Fiorenza – che ha sempre gestito tutto in prima persona un ‘gendarme gentile’ che ancora oggi ci tiene ad essere sempre in ordine: mani, piedi, vestiti e capelli. Solo su quest’ultimo aspetto nonna Anna ha avuto recentemente qualche perplessità. “Sono sempre stata bionda – ha detto a sua figlia una volta tornata a casa dopo il ricovero – perché’ ora mi state facendo crescere i miei capelli bianchi? Mica sono vecchia io”.