Morta di Covid a 37 anni. Sara Funaro viveva a La Spezia, lascia una bimba di appena 2 anni.  Sara è morta nel  reparto di Rianimazione dell’ospedale San Martino di Genova in cui era stata trasferita perché l’ospedale-Covid di Sarzana aveva registrato un picco di accessi. Così’ si era deciso di trasferire i pazienti più giovani nel capoluogo. È una notizia che lascia di sasso perché il decorso della malattia sembrava procedere in modo positivo. Sara sembrava stesse guarendo, e invece non ce l’ha fatta. È sopraggiunto un arresto cardiaco ed è morta.

I tentativi di rianimazione durati un’ora non sono riusciti a riportare Sara in vita e la giovane è entrata in coma. Poi l’ultimo respiro, sotto sedazione. Il quotidiano La Nazione racconta che al papà è stata concessa una deroga per poterla vedere un’ultima volta con la mascherina e la tuta anti-Covid.

Il papà di Sara, Mario, storico funzionario della Confcommercio ha ricevuto la solidarietà di tutti i colleghi. «L’associazione partecipa al profondo dolore dell’amico e collega Mario Funaro che ieri ha perso la sua adorata figlia Sara, scomparsa prematuramente all’età di soli 37 anni. La giovane Sara Funaro, che ha collaborato in Confcommercio e da molti anni lavorava da Zara, lascia anche la piccola Camilla di appena due anni, la sorella Romina e la nipote Alice», si legge in una nota.