La farmacie sono pronte a vaccinare. Manca poco. In questi giorni si stanno definendo gli ultimi dettagli. «Dal 4 giugno dovremmo partire – spiega Eugenio Leopardi, presidente di Federfarma Lazio –. Le farmacie che hanno aderito stanno inviando la richiesta per poter essere inserite nella piattaforma di prenotazione di Salute Lazio alla mail di LazioCrea». Anche per i vaccini non sembrano esserci problemi. «Johnson&Johnson è già disponibile nel Lazio – prosegue Leopardi –, preso arriverà nelle farmacie.

Si seguirà il criterio delle fasce d’età, come indicato dalla Regione. Quindi dal 24 potrà prenotare chi ha dai 44 anni in su. Non potranno invece andare in farmacia per il vaccino i fragili. Si tratta di tutte quelle persone che rischiano di più se vengono contagiate da una malattia infettiva come il Covid. Tra queste risultano i pazienti oncologici, gli immunocompromessi, quelli con neoplasie ematologiche, i diabetici, le persone con malattie respiratorie o affette da malattia reumatica infiammatoria autoimmune. Dovrebbero rientrare in questa categoria anche chi è celiaco, ha l’asma o soffre di bulimia o disturbi della tiroide.