Con l’amministrazione guidata dal sindaco Maurizio Falanga, il piano “strisce blu” ha subito significative modifiche, tra cui il recentissimo affido alla società PubliParking S.r.l., l’aumento del numero degli stalli a pagamento che da 35 passano a 55 e la presenza di ben 5 operatori delegati al controllo. Inoltre, dopo un sopralluogo dell’amministrazione comunale al cantiere di Piazza Mazzini, sono autorizzate alcune modifiche al progetto originario. Alterando così completamente il progetto che era stato vincitore della gara d’affidamento.

I consiglieri

I consiglieri comunali d’opposizione, Michele Cangianiello, Giuseppe Annunziata, Nicola Salvati, Maria Stefania Franco, Nicola Guerrasio, Rossella Vorraro, hanno presentato una interpellanza rivolta al sindaco Falanga e all’assessore ai Lavori pubblici, affinché siano chiariti diversi aspetti relativi alla sosta a pagamento in città. “Vogliamo conoscere i motivi che hanno spinto l’amministrazione ad aumentare il numero degli stalli per la sosta a pagamento – fanno sapere i consiglieri d’opposizione – per quanto riguarda gli operatori addetti al controllo della sosta, ai quali l’amministrazione ha attribuito nuovi compiti di verifica per alcune infrazioni previste e punite dal codice della strada, vogliamo che venga specificato se le nuove mansioni faranno lievitare i compensi e secondo quale calendario di giorni e orari è garantito il controllo della sosta sul territorio comunale”.

Caso Piazza Mazzini

È un mistero, inoltre, lo stravolgimento in corso d’opera del progetto di Piazza Mazzini, che prevedeva, tra l’altro, la rimozione di alcuni alberi che risultavano d’intralcio al parcheggio, la suddivisione dell’area in due zone di cui una riservata agli abbonati e, infine, la predisposizione di allacci per un chiosco. “È dovere dell’amministrazione comunale informare i cittadini delle ragioni che l’hanno portata modificare ciò che era stato prospettato in precedenza per Piazza Mazzini – conclude l’opposizione – inoltre, siccome è evidente che si ridurrà il numero dei posti “garantiti” agli abbonati: sono state previste agevolazioni a residenti ed esercenti nella zona?”