Si erano avvicinato a bordo di un motorino ad un turista italiano in fila alla biglietteria degli scavi di Pompei e gli avevano portato via con la forza un orologio di elevato valore. A quasi due anni di distanza individuato il secondo autore della rapina, dopo che lo scorso anno era già rintracciato il complice. E cosi’ i carabinieri della stazione di Pompei e del posto fisso Scavi hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere. Arriva nei confronti di un uomo del quale non sono fornite le generalità. L’accusa è di rapina.

L’indagine, grazie anche alle immagini di videosorveglianza recuperate nella zona, hanno permesso di appurare i fatti. I due avevano raggiunto a bordo di uno scooter la vittima nei pressi della biglietteria di Porta Marina inferiore. Qui il passeggero aveva afferrato il turista per un braccio, sottraendogli con violenza l’orologio. Prima di darsi alla fugo insieme al complice. Il rapinatore fu individuato e raggiunto da analoga ordinanza nel maggio del 2020. Ora si e’ arrivati a rintracciare il conducente del mezzo a due ruote, al quale è notificato il provvedimento cautelativo. Lo hanno portato direttamente nel carcere napoletano di Poggioreale, dove era gia’ detenuto per altri reati.