Vetri in frantumi e porta rotta. Così ieri mattina i volontari dell’associazione ‘A voce d’è creature’ di don Luigi Merola hanno trovato la sede di Pompei. Un raid avvenuto all’interno di un bene confiscato alla camorra dove si trova oggi l’associazione. Intervenuto sul fatto il consigliere regionale campano Marco Nonno (FdI): “La mia solidarietà e vicinanza istituzionale a don Luigi Merola ed agli operatori e volontari della sua associazione ‘A voce d’è creatur’ per il raid vandalico ed il furto subito nelle scorse ore presso la sede di Pompei dell’Ente – afferma Nonno.

“Non saranno sicuramente poche mele marce a piegare la forza di volontà ed a frenare le tante progettualità a favore dei più deboli che don Luigi e la sua realtà associativa mettono in campo. Sono disponibile con lui – aggiunge – per tutte le iniziative istituzionali che ritiene si debbano mettere in campo a margine dell’atto intimidatorio”.