Finisce dai carabinieri la partita di gara tre dei quarti di finale playoff di serie A2 che ieri sera ha visto confrontarsi la Lux Chieti e la Givova Scafati, vinta dai teatini.  Già dal post partita, la società campana aveva lamentato “sputi, offese, insulti razzisti” di cui sarebbero stati bersaglio gli atleti Frank Gaines e Thomas.

L’esposto

E stamani, come si legge in una nota della Givova Scafati, il general manager Gino Guastaferro si è rivolto ai carabinieri di Chieti per sporgere denuncia orale contro ignoti “in seguito – si legge nel comunicato – ai gravi episodi che hanno visto coinvolta la società gialloblù prima, durante e dopo la partita persa contro la formazione locale della Lux Chieti”.

I fatti

Nell’esposto, il dirigente “ha evidenziato tutti gli episodi di cui sono stati vittime i suoi tesserati – dice ancora la nota stampa – in particolare i due atleti statunitensi di colore, Gaines e Thomas. Tra la nutrita rappresentanza di supporter teatini presenti (non si capisce come) all’interno del PalaTricalle, un manipolo di pseudo tifosi locali, posizionati in curva, sin dall’ingresso sul parquet delle due squadre, ha inveito con cori e frasi ingiuriose nei confronti di tutti i presenti in campo, utilizzando terminologie ed espressioni che nulla hanno a che fare con lo sport, che entravano nella sfera personale e interessavano anche le rispettive famiglie.

A ciò vanno aggiunti i continui sputi provenuti dalle gradinate all’indirizzo dei tesserati gialloblù e soprattutto le offese di chiaro stampo razzista all’indirizzo della coppia di colore Thomas-Gaines, con il secondo che, a partita ultimata, non è riuscito a contenere la rabbia e la delusione all’indirizzo di costoro”.

Secondo quanto denunciato dalla società, l’atleta nativo della Florida, “rientrando con massima calma negli spogliatoi, si ritrovava costretto a subire gli sputi provenienti dalla gradinata e gli insulti razzisti da parte di quella nutrita rappresentanza di tifosi locali”.

Come se non bastasse Gaines si trova ora anche squalificato dalla Lega. Il cestista ha infatti risposto alle offese. Questa la sua colpa. Per Chieti c’è la squalifica del campo.