Tra Agropoli, Vallo della Lucania, Pollica, Torchiara, Trentinara, Capaccio Paestum, Giungano, Laureana Cilento, i carabinieri hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali. Sono confronti di 12 indagati (3 ai domiciliari e 9 con obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria), che devono rispondere di corruzione e falso. Le indagini hanno consentito di ricostruire l’esistenza di un accordo illegale fra medici certificatori per conto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e titolari di agenzie automobilistiche cilentane, in modo che pratiche automobilistiche come il rilascio o rinnovo delle patenti di guida e, in alcuni casi, il porto d’armi, avveniva con una dichiarazione di idoneita’ psicofisica rilasciata senza alcuna visita.

Il ‘tariffario’ prevedeva dai 90 ai 120 euro da corrispondere per il rilascio del certificato medico senza essere sottoposti alla visita medica, per un giro d’affari stimato in decine di migliaia di euro per l’arco temporale di pochi mesi.