Un gesto esemplare di collaborazione interattiva tra titolari di esercizi pubblici che non avendo spazi esterni, rischiano di restare penalizzati rispetto ai loro colleghi più fortunati. Questa l’iniziativa #tavolinocondiviso ” di Giovanni Ruggeri, un ristoratore nel comune di Capoterra, città metropolitana di Cagliari. Dalla pagina Facebook del suo locale “Maddalena”, si è reso promotore dello slogan: “Chi verrà da noi troverà nel tavolo anche i menù delle altre pizzerie nel Comune e potrà farsi consegnare la pizza preferita. L’ intera economia locale è da troppo tempo una delle più penalizzate-spiega l’imprenditore- Abbiamo la fortuna di un grande spazio all’aperto dove far cenare i nostri clienti, ma purtroppo non è così per diversi nostri colleghi che lavorano al chiuso o solo con l’asporto”.

Un gesto piccolo ma di enorme valenza e che coniuga una fattiva collaborazione e la  solidarietà verso i colleghi meno fortunati, muniti di locali ristretti. Il signor Ruggieri da circa due mesi, ha avviato un’altra lodevole iniziativa: con una spesa minima di 10 euro per asporto o consegna a domicilio viene offerta o una mascherina FFp2 o un libro sardo. Durante la chiusura non potendo esercitare la sua professione, ha anche messo a disposizione gli ambienti esterni locale adattandoli ad “hub” del circondario, per effettuare tamponi.

Un invito che parte come una goccia del mare, affinché possa estendersi nel vasto oceano del mondo dell’imprenditoria e dell’economia italiana.