Aggredita a Salerno la figlia 18enne dell’allenatore del Pescara Gianluca Grassadonia. Un brutto e grave episodio in vista della sfida di lunedi’ sera che potrebbe decretare la promozione in A dei campani. L’aggressione e’ stata denunciata in un post su facebook scritto nel corso della notte da Annabella Castagna (moglie dell’allenatore del Pescara) che vive con la famiglia proprio a Salerno.

Il post della madre

“Dopo cinque giorni di minacce e insulti dirette alla nostra famiglia – scrive – la follia consumatasi questa sera e’ intollerabile. Nostra figlia, appena diciottenne, e’ stata minacciata e aggredita con spintoni e calci affinche’ il papa’ capisca….Tutto questo per una partita di calcio. Ci auguriamo che questi criminali, ben lontani dall’essere tifosi, vengano identificati al piu’ presto, anche perche’ questa e’ la prima volta in cui il bersaglio della violenza e’ stato un componente della nostra famiglia. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno mostrato solidarieta’ in queste ore cosi’ tristi e concitate, ma ci sembra chiaro, ora piu’ che mai, che la nostra vita continuera’ lontano da Salerno. Ci auguriamo che civilta’ e rispetto possano divenire prerogativa di tutti”.