Paura all’alba di ieri a Terzigno, quando alcuni cittadini si sono svegliati con un boato. È crollato infatti un rudere abbandonato, e per fortuna all’interno non c’erano disperati a passare la notte. I fatti tra Via Cavour e Via Carlo Alberto, dove appunto sorgeva quello stabile da tempo in disuso. A dare gli ultimi colpi, probabilmente l’acquazzone notturno che si è abbattuto su quella porzione dell’area vesuviana. I residenti della zona hanno subito telefonato ai vigili del fuoco ed alle forze dell’ordine. Danni, per fortuna non importanti, anche alla palazzina adiacente.

Sin da subito si è temuto che qualcuno potesse essere sotto le macerie. Un incubo però svanito in fretta. I residenti della zona erano tutti in casa, mentre quel luogo non dava riparo a nessun invisibile. Il resto è storia di un crollo: detriti da raccogliere ed eventuali colpe da valutare. «Un inferno, temevamo il terremoto e che tutto potesse cadere», raccontano i residenti.