“In Campania, a Nola, è prevista la realizzazione di un nuovo istituto penitenziario, il primo in Italia che seguira’ il modello scandinavo senza sbarre e mura perimetrali e con un sistema di sorveglianza molto sofisticato. L’area per la costruzione del nuovo penitenziario è individuata gia’ da tre anni in localita’ Boscofangone. Ma i lavori per la realizzazione ancora non hanno avuto inizio”. E’ quanto dice un una nota il consigliere regionale della Campania, Francesco Emilio Borrelli.

“Individuato lo spazio per costruire il nuovo penitenziario per una capienza di 1.200 persone, ed è anche individuata la ditta vincitrice dell’appalto dei lavori che pero’ ancora non partono. E invece di far partire il progetto si pena invece ad elaborare un nuovo per la Caserma Battisti di Bagnoli”, aggiunge Borrelli. “Vogliamo conoscerne i motivi per cui non partono i lavori, vogliamo riposte su questa situazione. Questo nuovo carcere va realizzato al piu’ presto ma ci chiediamo se si abbia davvero intenzione di realizzarlo”, conclude il consigliere regionale.