Uno squalo volpe di circa 2 metri e mezzo catturato nelle acque antistanti la foce del Sele, in Cilento. A farlo è stato il titolare del Molo Nautico Sele, Bartolomeo Gallo, che ha diffuso le immagini sui social. “Si tratta di uno squalo molto diffuso nei mari tropicali, presente però anche nelle aree costiere del Mediterraneo, che raramente attacca l’uomo e non costituisce un vero e proprio pericolo per la nostra specie”.

Lo squalo volpe è preda ambita nella pesca sportiva, la sua pelle è trasformata in cuoio e dal suo fegato è estratto un olio utilizzato per farmaci e cosmetici. Il pesce è anche molto cacciato per fini alimentari, per la carne e le sue le pinne, ambite soprattutto sui mercati asiatici.