Nuova operazione sul territorio da parte della Polizia Municipale che ha visto in campo gli Agenti del Reparto specialistico di Tutela Ambientale che,  stanno portando avanti un piano di monitoraggio della produzione e distribuzione degli shopper, non solo nel territorio della città di Napoli ma anche al di fuori della regione Campania. L’ultimo intervento ha riguardato un importante punto di distribuzione presente nella zona dell’aeroporto dove gli agenti, all’interno di un grande capannone industriale di 2000 mq adibito alla logistica, anche internazionale, di diverse categorie merceologiche, hanno individuato un nuovo deposito di shopper non a norma.

Il bilancio

Otto le tonnellate di articoli illegali sequestrati, distinti in borse per il trasporto merci e borse ultrasottili per l’asporto di generi alimentari, tutti non biodegradabili e non compostabili. Il capannone era gestito da un cittadino napoletano già noto agli uomini della Polizia Locale.

Al trasgressore, tale F.F., oltre al sequestro dell’ingente quantità della merce, è comminata la sanzione prevista dall’art. 226 bis e ter del Codice Unico dell’Ambiente, che vieta sia la produzione che la distribuzione di tali articoli, per un importo che va da un minimo di 2500 € al massimo di 100.000 euro.