I Carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Caserta hanno localizzato e arrestato il latitante T.C., 64 anni, irreperibile dal 25 settembre 2020 in quanto evaso dai domiciliari a Brusciano e sottratto all’arresto lo scorso 23 febbraio nell’ambito dell’esecuzione dell’operazione “Giano”. T.C. è stato individuato in uno studio medico a Napoli, dove avrebbe dovuto effettuare una visita. Il 64enne figura tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere disposta dal gip del Tribunale di Napoli Nord ad esito delle indagini della Procura aversana, ed eseguita il 23 febbraio scorso, per associazione per delinquere finalizzata ai reati di truffa, sostituzione di persona, riciclaggio, autoriciclaggio, falsità in documenti d’identità ed atti pubblici.

A carico dello stesso, a causa dell’evasione dai domiciliari, pendeva anche un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare da parte Corte d’Appello di Napoli. T.C. è stato portato nel carcere napoletano di Poggioreale, a disposizione dell’autorità giudiziaria.