Maturità light, solo orale e niente scritto: ecco come sarà l’esame 2021. «La scuola non è sgarrupata, almeno non tutta». Parola del ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi che parla in tv difendendo anche l’esame di maturità che inizierà il 16 giugno con una modalità particolare. Non ci saranno le prove scritte, ma un maxi orale che avrà una durata di almeno un’ora e che vale 40 punti al massimo. Gli altri 60 deriveranno invece dai crediti guadagnati nell’anno dalla studente.

Nella prova orale lo studente presenterà un elaborato su un argomento concordato con i professori sulle materie pubblicate il 4 marzo. Entro il 31 maggio gli studenti dovranno consegnarlo. La discussione verterà su un breve testo oggetto di studio nell’ambito della letteratura italiana e poi una conversazione anche sulle altre materie.

Dopo la discussione dell’elaborato, il colloquio proseguirà con la discussione di un testo già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di Lingua e letteratura italiana, con l’analisi di materiali (un testo, un documento, un’esperienza, un problema, un progetto) predisposti dalla commissione con trattazione di nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline. Ci sarà spazio per l’esposizione dell’esperienza svolta nei PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento). Il candidato dimostrerà, nel corso del colloquio, di aver maturato le competenze e le conoscenze previste nell’ambito dell’Educazione civica. La durata indicativa del colloquio sarà di 60 minuti.