Questa mattina posizionata all’interno del Parco della Vita di Brusciano una panchina rossa in ricordo di Ornella Pinto, la giovane mamma uccisa dal compagno lo scorso 13 marzo a Napoli. Presenti colleghe e familiari della 39enne. “Non cerchiamo vendetta – ha detto il padre della donna – ma vogliamo giustizia. Ornella non ci sara’ restituita. Ma chiediamo alla magistratura di fare qualcosa di concreto affinche’ altre donne possano essere davvero tutelate e salvarsi dalla violenza. Lancio un appello al Presidente della Repubblica: serve una riforma giuridica per fermare questa strage”.

“Alla vigilia di quello che sarebbe stato compleanno di Ornella – ha evidenziato Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde – abbiamo deciso di dedicarle una panchina rossa. Il simbolo della lotta alla violenza sulle donne. Abbiamo deciso di installarla qui al Parco della Vita perche’ per noi ha una forte valenza simbolica. Un’area abbandonata al degrado dove si sversavano rifiuti è ridata alla vita, dove si svolgono tantissime attivita’ per bambini speciali. Oggi viviamo in una societa’ che sembra voler tutelare e giustificare i violenti, i criminali, i carnefici, mentre le vittime vengono dimenticate e le loro famiglie abbandonate. Noi facciamo parte di quelle persone che vogliono sovvertire quest’ordine”.