Home Covid Vaccini, il grido di De Luca: “La Campania ha ricevuto 210mila dosi...

Vaccini, il grido di De Luca: “La Campania ha ricevuto 210mila dosi in meno”

Il governatore della Campania dice di condividere il «grido di dolore di Draghi rispetto a qualche 30enne che ha scavalcato anziani nella vaccinazione». «Bene con rispetto e parafrasando il grido di dolore di Draghi. Mi rivolgo al presidente del Consiglio e a mia volta dico. Con quale coscienza si può togliere ai cittadini campani una quantità di 210mila dosi di vaccino? Mi auguro che il mio grido di dolore sia ascoltato», ha De Luca detto su Fb. La coscienza deve funzionare sempre, non a corrente alternata, ha aggiunto.

In Campania la campagna di vaccinazione, dopo aver completato le categorie dei fragili e degli anziani, procederà «per categorie economiche non per fasce d’età». Tra le priorità De Luca individua «i lavoratori del trasporto pubblico locale, i dipendenti dei Comuni, delle Poste, le commesse dei supermercati».

L’appello

Inoltre il governatore rivolge un appello al Capo dello Stato. Lo fa in merito alla situazione dei vaccini, alle dosi in meno consegnate alla Campania, ma anche in merito ad altro. «A Mattarella dico: con quale coscienza viene calpestato l’articolo 3 della Costituzione che impegna lo Stato a risolvere gli ostacoli al raggiungimento dell’uguaglianza tra tutti i cittadini?», ha sottolineato in diretta Fb. Poi, rivolgendosi al premier Draghi, al quale ha chiesto conto delle 210mila dosi in meno consegnate alla Campania, aggiunge: «Con quale coscienza il governo nazionale dà ogni anno 47 euro in meno, nel riparto del fondo sanitario nazionale, ai cittadini campani, con quale coscienza tollera il fatto che abbiama15mila dipendenti in meno nel sistema sanitario».

Exit mobile version