«Si sono schiattati questi figli di b…». Ecco la frase che, ancor prima delle immagini delle telecamere, ha fatto crollare il castello di bugie di Giuseppe Greco. A riportale la notizia è il quotidiano Roma oggi in edicola. Il 25enne di Marano che ha inseguito e travolto i due rapinatori per vendicarsi del colpo subito e cercare di recuperare il Rolex portatogli via. Con un whatsapp inviato alla fidanzata pochi minuti dopo l’evento si è dato la zappa sui piedi. Tant’è vero che alla prima contestazione ha cambiato la versione originaria: «Sono rimasto sul posto e non so cosa sia accaduto successivamente». Ma non ha confessato al pubblico ministero e ai carabinieri.

Così, oltre che per la gravità della vicenda e il pericolo di fuga, la procura di Napoli ha emesso nei suoi confronti un decreto di fermo per duplice omicidio volontario. A mostrare il messaggio di Giuseppe Greco ai carabinieri della compagnia di Marano proprio la fidanzata di Giuseppe Greco. Lei ignara in quel momento delle conseguenze della rapina.