Rocambolesco tentativo di evasione dal carcere napoletano di Poggioreale dove un detenuto campano, nel tentativo di fuggire, è restato incastrato in un tombino. Per liberarlo si è quindi reso necessario l’intervento dei vigili del fuoco. A rendere nota la notizia è Aldo Di Giacomo, segretario generale dell’Spp. Il detenuto si è introdotto in un tombino nell’aria passeggi del carcere. «Non vi è più limite alla fantasia dei detenuti – commenta il sindacalista – che cercano ogni modo di evadere. Però questa volta il malcapitato tornerà in cella con un tentativo di evasione e con più di qualche escoriazione. Dovrà ringraziare i vigili del fuoco che con non senza difficoltà sono riusciti ad estrarlo dal tombino».

«Nonostante le criticità quotidiane e le tensioni legate all’emergenza sanitaria – aggiunge segretario nazionale USPP Giuseppe del Sorbo – la polizia penitenziaria è riuscita a sventare il tentativo di evasione. Un plauso del sindacato al personale di polizia penitenziaria di Napoli Poggioreale».