La Squadra Mobile di Napoli ha dato esecuzione a una misura di custodia cautelare in carcere con il beneficio dei domiciliari emessa dal gip partenopeo nei confronti di Gianluca Russo e Luca Vilei, rispettivamente 47 e 46 anni, agenti proprio in servizio alla Mobile, e di Vincenzo Palumbo, imprenditore 47enne con precedenti di polizia. Quando a febbraio ha saputo appreso di una indagine su loro tre, Vilei avrebbe fornito queste informazioni agli altri in cambio di 2000 euro che probabilmente sarebbero stati consegnati ad anche altri due colleghi, indagati nel medesimo procedimento per aver fornito l’iniziale informazione.

Poi ha effettuato anche un accesso abusivo ai sistemi informatici su richiesta di Russo, a sua volta spinto da Palumbo. Vilei e Russo hanno poi firmato una relazione di servizio non veritiera sulle vicende in cui erano stati coinvolti.