“Ci rivolgiamo a Lei nella piena consapevolezza di ricevere la giusta attenzione. Atteso che, nel corso di questi mesi di pandemia, che hanno determinato profondi disagi e difficoltà alla popolazione campana”. Comincia così la lettera del sindaco di San Giuseppe Vesuviano, Vincenzo Catapano, al governatore Vincenzo De Luca. E continua: “Ha adottato molteplici decisioni e provvedimenti, ancorché talvolta impopolari, idonei a fronteggiare questo critico periodo ed a salvaguardare la salute pubblica dei cittadini dell’intera Regione Campania.
Riteniamo doveroso segnalare che la città di San Giuseppe Vesuviano ha offerto costantemente nel corso di tutto questo periodo, ogni valido ed idoneo contributo finalizzato a prevenire e contenere la diffusione del contagio pandemico. Per i suoi pesanti risvolti e le sue gravi ricadute sulla salute dei cittadini, sulla tenuta del Sistema Sanitario Nazionale, sull’economia della Regione”.

La richiesta

“L’Amministrazione comunale ha messo in campo una ampia e proficua attività di prevenzione, proprio a tutela della salute pubblica. Garantendo la propria disponibilità anche attraverso la concessione d’uso di una struttura pubblica per l’esecuzione dei tamponi alla popolazione. Area attrezzata ad esclusivo carico e spese del Comune. Cosa che, di fatto, poi, è avvenuta, con notevole vantaggio in ordine all’esecuzione del tracciamento ed alla tutela della salute dei cittadini. Anche nel momento in cui si è proceduto ad individuare le strutture necessarie ad effettuare la somministrazione dei vaccini anti-covid, l’Amministrazione di San Giuseppe Vesuviano si è adoperata al fine di individuare potenziali strutture che potessero essere tempestivamente ed efficacemente adoperate quali punti vaccinali”.
“I competenti responsabili dei Servizi Sanitari non hanno ritenuto, al momento, opportuno, individuare, in una comunità popolosa come quella di San Giuseppe Vesuviano, che conta oltre 31.000 abitanti, ad alta densità abitativa nell’area vesuviana interna, un punto di somministrazione. Un punto che consentisse ai cittadini di San Giuseppe Vesuviano di essere vaccinati senza doversi necessariamente recare in altri Comuni. Con tutto ciò che ne consegue in ordine ai disagi ed ai rischi connessi a tali spostamenti. Ci rivolgiamo a lei in maniera accorata affinché sia, nel più breve tempo possibile, valutata la rinnovata disponibilità di questa Amministrazione”.