Cinquanta cittadini di Marigliano che percepiscono il reddito di cittadinanza contribuiranno nelle attività quotidiane necessarie per assicurare sicurezza, decoro e vivibilità alla comunità. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Jossa è, infatti, tra le poche della Campania ad aver attivato i progetti utili alla collettività. Che, come previsto dalle legge, coinvolgono i beneficiari del sostegno economico favorendone così  l’inclusione sociale. Ed allo stesso tempo implementando l’efficacia dei servizi offerti nel campo culturale, ambientale, sociale ed in quello della tutela dei beni comuni. Non è un caso, infatti, che le prime iniziative predisposte si chiamino proprio “Curiamo la nostra città”, “Città sicura” e “Una mano in Comune. Progetti che rafforzeranno l’azione costantemente messa in campo e per giunta senza aggravi per le casse comunali.

Il sindaco

“I nostri concittadini – spiega il sindaco Peppe Jossa – ci daranno una mano ad aprire il centro polifunzionale e la biblioteca, contribuiranno alla riuscita di eventi culturali, collaboreranno per tenere puliti spazi verdi.  Ci daranno aiuto per far entrare i bambini in classe, gestiranno l’uscita degli alunni alla fine delle lezioni e favoriranno la didattica all’aperto. Daranno nuova energia e  supporto amministrativo negli uffici pubblici e in municipio. Si tratta di un’occasione importante, utile alla comunità ed ai percettori del reddito di cittadinanza”.

“Completato l’iter burocratico con ministero  ed ambito  sociale  N22  e grazie all’impegno di molti, in primis  dell’assessore alle politiche sociali Felice Mautone e dei consiglieri comunali  Peppe D’Agostino ed Antonio Di Sauro, nei prossimi giorni partiranno già  i colloqui per conoscere competenze,  interessi, propensioni e soprattutto per  capire in che modo poter coinvolgere i destinatari del progetto  nella difesa e valorizzazione del bene comune, affinché non vivano questo servizio come un mero obbligo, ma  come opportunità di riscatto e di dignità”, conclude il primo cittadino.