Era finito anche a Le Iene che lo avevano smascherato, ed ora la condanna a due anni senza sospensione della pena. Si tratta di Luis Arsenio, Luigi all’anagrafe, che scherzo del destino si definisce la “Iena della moda”. L’accusa è di aver chiesto provini hard anche ai minori, facendoli spogliare con il sogno di una carriera nel settore. Tutto parte da Boscoreale e dall’agenzia di Arsenio, “Zero Model Agency”. Vittima un 17enne che ha vuotato il sacco prima ad Italia Uno poi nelle sedi giudiziarie.

I fatti già raccontati da Le Iene sono pesanti, e chiaramente ora bisognerà attendere i tre gradi di giudizio per accertare la realtà. «Inizialmente con l’asciugamano che copriva le parti intime, sino ad arrivare a chiedermi di masturbarmi in video e di inviarglieli», raccontava a Veronica Ruggeri una vittima. «I ragazzi per i casting devono inviare video che comprendono anche nudo integrale», ammetteva subito Luis. «Però cara, il nudo fa scandalo!».