La morte di Kurt Cobain fu dichiarata ufficialmente per suicidio il 5 aprile di 27 anni fa a causa di una ferita da arma da fuoco al cervello con un fucile da caccia Remington calibro 20. Depresso e drogato di eroina, il cantante si barricò nella sua casa di Seattle dove si sparò, circondato dal suo paio di occhiali da sole, dalla scatola di sigari che usava per nascondere la sua scorta, dalle sue sigarette American Spirit e, naturalmente, da una lettera- suicidio tra le più più discusse nella storia della musica.

È meglio bruciare che svanire“, scrisse Cobain, non sapendo che questo riferimento alla canzone di Neil Young sarebbe diventato un grido di battaglia per gli adolescenti depressi di tutto il mondo. Alcuni dicono che la lettera scritta da Kurt Cobain prima del suicidio fosse una bozza incompiuta destinata alla sua band – una sorta di nota di rottura, che avrebbe segnato la fine dei Nirvana e una nuova direzione per la sua carriera musicale. Aveva già parlato con Michael Stipe dei REM della sua idea di lavorare insieme poiché si sentiva completamente disilluso rispetto alla sua personalità grunge.

I fan di quella teoria probabilmente credono anche che la seconda metà della lettera del suicidio di Cobain fosse stata ideata nientemeno che da sua moglie, Courtney Love. La loro relazione si sgretolava ogni giorno di più tra la dipendenza dalle droghe e lo stress delle celebrità e Cobain aveva spesso menzionato il divorzio durante il suo ultimo anno di vita.
Cobain era già andato in overdose in una stanza d’albergo a Roma un mese prima che il suo corpo fosse trovato nella sua serra di Seattle. In quella occasione Cobain ingoiò 50 pillole e lasciò un biglietto. L’incidente si rivelò in seguito un tentato suicidio che lo stesso Cobain aveva negato.

Non è chiaro se questo fosse lo stesso biglietto trovato sulla scena del suo suicidio. Indipendentemente da ciò, al momento di questo precedente tentativo, Love si assicurò di far sapere a tutti che suo marito non sarebbe andato da nessuna parte.
“Non si allontanerà da me così facilmente”, disse. “Lo seguirò attraverso l’inferno.”

Dopo un paio di giorni in un centro di riabilitazione in California, Kurt disse allo staff che stava uscendo per fumare, scalò il muro di mattoni che lo separava dal mondo e tornò a casa a Seattle prima che sua moglie potesse bloccare le sue carte di credito.

Non è chiaro cosa sia successo esattamente tra il 4 e il 5 aprile del 1994, tranne il fatto che Kurt Cobain probabilmente appoggiò uno sgabello contro le portefinestre della serra e vi rimase dentro, drogandosi, magari scrivendo o terminando il famigerato biglietto, e alla fine si sparò.

Nella sua ultima lettera Cobain recita così:
“… quando siamo dietro le quinte, le luci si spengono e inizia il fragore maniacale della folla, tutto ciò non mi colpisce nel modo in cui accadeva per Freddie Mercury, che sembrava amare, assaporare l’amore e l’adorazione proveniente dalla folla che è qualcosa che ammiro e invidio totalmente.
Il fatto è che non posso ingannarvi, nessuno di voi.

Il peggior crimine a cui riesco a pensare sarebbe quello di derubare le persone fingendo di divertirmi al 100%. A volte mi sento come se dovessi avere un cronometro prima di salire sul palco. Ho provato tutto ciò che era in mio potere per apprezzarlo, ma non riesco ancora a superare la frustrazione, il senso di colpa e l’empatia che provo per tutti…
Ho una dea di una moglie e una figlia che mi ricorda troppo quello che ero, pieno di amore e gioia e non sopporto il pensiero che Frances diventi il ​​miserabile, autodistruttivo, rocker mortale che sono diventato.

Grazie a tutti dal profondo del mio stomaco per le vostre lettere e la preoccupazione degli ultimi anni.
Non ho più la passione, quindi ricorda, è meglio bruciare che svanire.

Per favore, continua Courtney, per Frances. Per la sua vita che sarà molto più felice senza di me.
TI AMO TI AMO!”

Ancora oggi, a 27 anni di distanza da quel tragico evento, l’uomo Kurt Cobain e la sua musica rimangono profondamente impressi nei cuori dei suoi fans.