DIABETE ED ESERCIZIO FISICO

Il diabete mellito (diabete) è una condizione medica cronica in cui c’è troppo glucosio nel sangue a causa dell’assenza di insulina o dell’incapacità di usare correttamente l’insulina. L’intervallo consigliato per la glicemia è compreso tra 4,0 e 8,0 mmol / L. I livelli di glucosio nel sangue al di sopra o al di sotto di questo intervallo sono definiti rispettivamente iperglicemia e ipoglicemia. La gestione del diabete di solito consiste in un team multidisciplinare che include un medico di famiglia, un endocrinologo e un dietologo.

Tipi di diabete

DIABETE DI TIPO 1

Nelle persone con diabete di tipo 1, il pancreas non è in grado di produrre insulina per regolare i livelli di glucosio nel sangue. Ciò si traduce in un assorbimento inadeguato del glucosio nelle cellule per l’energia e un accumulo di glucosio nel sangue. I pazienti con diabete di tipo 1 richiedono iniezioni giornaliere di insulina per gestire i livelli di glucosio nel sangue.

DIABETE DI TIPO 2

Nel diabete di tipo 2, il pancreas è ancora in grado di produrre insulina, ma non è in grado di utilizzare efficacemente l’insulina che produce. In molti casi, il diabete di tipo 2 può essere controllato solo attraverso la dieta e l’esercizio fisico, sebbene alcune situazioni richiedano l’uso di farmaci orali o iniezioni di insulina per gestire i livelli di glucosio nel sangue.

DIABETE GESTAZIONALE

Il diabete gestazionale è un tipo di diabete che si manifesta durante la gravidanza nelle donne che altrimenti non hanno il diabete. È principalmente associato alla resistenza all’insulina determinata dai livelli ormonali che bloccano l’azione dell’insulina. Le donne con diabete gestazionale corrono un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2 più avanti nella vita.

Dieta

Una dieta sana e un programma di esercizi fisico appropriato sono importanti per la gestione del diabete. Mangiare pasti regolari durante il giorno concentrandosi sulla distribuzione uniforme dei carboidrati può aiutare a mantenere costanti i livelli di glucosio nel sangue.

L’indice glicemico (IG) viene utilizzato per classificare gli alimenti a base di carboidrati ed è una misura della velocità con cui i carboidrati nel cibo vengono assorbiti dall’organismo. Gli alimenti sono raggruppati in categorie di IG basso, moderato o alto. Gli alimenti che hanno un IG basso vengono assorbiti lentamente, rendendo il rilascio di glucosio nel flusso sanguigno graduale e sostenuto. Questi alimenti possono prevenire un rapido aumento dei livelli di glucosio nel sangue e avere un grado più elevato di sazietà (riempiendoci più a lungo), contribuendo così alla perdita di peso. Gli alimenti che vengono rapidamente assorbiti e rilasciati nel flusso sanguigno sono definiti IG alto. Per mantenere un controllo ottimale della glicemia, si raccomandano cibi a basso indice glicemico.

Esempi di cibi ad alto indice glicemico includono: pane bianco, focaccine, gallette di riso, gelatine e bevande analcoliche.

Esempi di cibi a IG moderato includono: focaccine, ananas, uva sultanina e riso basmati.

Esempi di alimenti a basso indice glicemico includono: mele, pere, patate dolci, mais dolce, fiocchi d’avena, pasta, lenticchie, fagioli, latte e yogurt.

Sia la quantità che il tipo di carboidrati consumati influenzeranno i livelli di glucosio nel sangue. Sebbene un alimento possa avere un indice glicemico basso, se viene consumato in quantità eccessive, la quantità totale di carboidrati (carico glicemico) ingerita per quel pasto può comunque causare un aumento dei livelli di glucosio nel sangue. Si consiglia di consumare piccole porzioni di cibi a basso indice glicemico durante il giorno. Le persone che hanno prescritto l’insulina come parte della gestione del diabete (Tipo 1 e Tipo 2) devono assicurarsi che la loro dose di insulina corrisponda al livello di glucosio nel sangue e all’assunzione di carboidrati, per mantenere un controllo ottimale della glicemia. Ciò richiede la conoscenza della quantità di carboidrati presenti nei diversi alimenti e nelle diverse dimensioni delle porzioni.

Esercizio

L’esercizio fisico è importante per le persone con diabete, a condizione che la glicemia e le complicanze del diabete siano controllate. Per migliorare il controllo glicemico, gestire la composizione corporea e ottimizzare la salute cardiovascolare, i pazienti con diabete dovrebbero mirare a ottenere le seguenti raccomandazioni sull’esercizio:

ESERCIZIO CARDIORESPIRATORIO

Almeno 150 minuti di esercizio cardiorespiratorio di intensità moderata a settimana o almeno 90 minuti di intensità vigorosa a settimana. Queste linee guida possono essere raggiunte attraverso varie combinazioni di esercizi di intensità moderata e vigorosa.

ESERCIZIO DI RESISTENZA

Inoltre, i pazienti con diabete di tipo 2 sono incoraggiati a fare tre sessioni di allenamento di resistenza ogni settimana, esercitando tutti i principali gruppi muscolari.

Va notato che in alcuni casi i pazienti con diabete di tipo 2 potrebbero non essere in grado di raggiungere gli obiettivi di esercizio raccomandati. In tali situazioni i pazienti dovrebbero essere incoraggiati a fare esercizio entro i limiti e a ottenere più esercizio possibile, auspicabilmente aumentando progressivamente i loro livelli di esercizio fino all’obiettivo minimo delineato sopra.

Per gli atleti con diabete di tipo 1, si consiglia di consultare un diabetologo, un medico sportivo e un dietista sportivo accreditato per attuare un piano di gestione dell’esercizio appropriato.

Monitoraggio della glicemia

L’ipoglicemia può verificarsi quando la glicemia è ≤ 4,0 mmol / L; tuttavia l’insorgenza e i sintomi dell’ipoglicemia variano da individuo a individuo. L’autocontrollo del test della glicemia è riconosciuto come uno strumento fondamentale per la gestione del diabete, che aiuta a monitorare l’efficacia dei farmaci, le influenze dietetiche e l’esercizio. Il monitoraggio della glicemia è particolarmente importante per quanto riguarda l’esercizio fisico per ridurre al minimo la probabilità di sviluppare ipoglicemia.

Gestire i livelli di glucosio nel sangue durante l’esercizio

Per evitare l’ipoglicemia associata all’esercizio fisico, si raccomanda di effettuare le letture della glicemia immediatamente prima dell’esercizio, a intermittenza durante l’esercizio e al termine dell’esercizio. L’ipoglicemia può essere ritardata e verificarsi fino a 24 ore dopo l’esercizio, pertanto il monitoraggio della glicemia è particolarmente importante durante il periodo successivo all’esercizio. Le persone con diabete di tipo 1 o le persone con diabete di tipo 2 che richiedono insulina dovrebbero pianificare in anticipo l’esercizio in quanto vi è una maggiore probabilità di ipoglicemia indotta dall’esercizio.

L’ipoglicemia può essere evitata portando con sé un alimento conveniente a base di carboidrati ad alto indice glicemico che può essere consumato all’inizio dei sintomi o una lettura della glicemia bassa durante l’esercizio. L’attività fisica non deve essere eseguita quando i livelli di glucosio nel sangue sono> 15,0 mmol / L o quando sono presenti chetoni. Si consiglia di consultare un medico di famiglia o un endocrinologo in questo caso.