La Corte d’Assise di Salerno ha condannato i genitori della piccola Jolanda, la bimba di 8 mesi che fu trovata senza vita nella sua abitazione di Sant’Egidio del Monte Albino. La sentenza di primo grado ha disposto l’ergastolo per il padre Giuseppe Passariello e una condanna a 24 anni di reclusione per la mamma Immacolata Monti. Il pm della Procura di Nocera Inferiore, Roberto Lenza aveva chiesto il fine pena mai per entrambi i genitori. Loro sono ritenuti responsabili dell’omicidio della neonata. «È una sconfitta della comunità perché sono fatti che non si devono verificare. E se si verificano esprimono un disagio sociale gravissimo», ha detto l’avvocato Vincenzo Calabrese, legale di Immacolata Monti.

«Poi le responsabilità personali, se esistono, sono responsabilità personali. La Corte, eventualmente, le ha ritenute. Attendiamo di leggere la sentenza». Decisive, ai fini investigativi, erano risultate le intercettazioni ambientali acquisite nel commissariato di Polizia di Nocera Inferiore. I fatti nelle ore immediatamente successive alla morte della piccola.