È precipitata dal nono piano di un edificio al centro Direzionale. Enrica R. Trentenne, praticante presso uno degli studi legali che ha sede proprio al Centro direzionale, è morta sul colpo. Inutile l’intervento dei medici del 118. La caduta fatale e il volo le ha provocato la frattura del collo. Insomma ai sanitari non è rimasto altro da fare che constatarne il decesso. L’ipotesi più accreditata è quella del suicidio, come spiegato dagli agenti di polizia accorsi sul luogo. Il tutto è accaduto in pochi secondi, poco prima delle 13,30, come hanno raccontato alcuni testimoni, persone che al momento della tragedia erano nel piazzale dell’isola G8. Alcuni testimoni erano all’interno del piazzale del Centro Direzionale di Napoli quando hanno assistito alla scena. La donna, hanno raccontato, è venuta giù in caduta libera e pur allertando immediatamente i soccorsi quanti hanno assistito alla scena hanno immediatamente capito che non ci sarebbe stato nulla da fare.

Ad indagare sull’accaduto gli agenti accorsi subito dopo l’allarme. Gli agenti hanno subito ascoltato i colleghi dello studio legale Carratù presso il quale Enrica svolgeva il praticantato, ma tutto hanno detto che apparentemente non vi era motivo per il quale la trentenne potesse togliersi la vita. Né hanno trovato un biglietto che potesse spiegare l’eventuale decisivo gesto. Per cui adesso dovranno essere sentiti i parenti, i familiari e gli amici per capire cosa è realmente accaduto ieri mattina. Tutto in quella manciata di minuti sufficiente però per spezzare la vita di una giovane donna.