“Sono alla Mostra per capire le dinamiche degli ultimi due giorni e comprendere se ci siano state sbavature nella nostra organizzazione”. Lo ha detto il direttore generale Asl Napoli 1, Ciro Verdoliva intervenendo nella trasmissione “Barba e capelli”. E poi ha aggiunto sui motivi dei disservizi: “Le persone vogliono dimostrare che hanno patologie non compatibili con AstraZeneca e quindi nei box i tempi sono raddoppiati. Questo e’ un primo problema”.

I furbetti

Sul numero dei vaccini ha poi aggiornato i dati: “In Campania abbiamo avuto meno dosi rispetto ad altre Regioni. Questa settimana ho ricevuto 20mila vaccini come Asl Napoli 1 e non sono ancora sufficienti per avere alte performance. Se vogliamo fare passi avanti ogni settimana dobbiamo avere il doppio delle dosi di quella precedente”. Infine, ha lanciato un appello ai cittadini: “Alle persone che rientrano nella fascia 60-69 anni dico di iscriversi alla piattaforma perche’ dobbiamo incrementare e pianificare il piano. Poi chiedo puntualita’, al massimo mezz’ora prima e infine non possiamo accontentare le esigenze individuali. Dovremo rispondere a oltre 10mila persone al giorno, i nostri operatori sono stati aggrediti con calci e pugni subendo insulti, come avvenuto ieri alla Mostra d’Oltremare, sono stremati”.