Nuovo avvistamento di una balena grigia, nelle acque prospicienti il porto di Baia. L’avvistamento segue quello di alcuni giorni fa nelle acque dell’isola di Ponza e non si esclude l’ipotesi che possa trattarsi dello stesso esemplare. Il cetaceo, nelle prime ore del mattino, scorto nella acque della Penisola Sorrentina e segnalato tempestivamente dalle strutture dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella. La balena grigia costituisce specie molto rara, che vive nell’Oceano Pacifico orientale. Gli avvistamenti nel Mediterraneo costituiscono episodio estremamente inusuale e straordinaria occasione di approfondimento scientifico.

I mezzi sul posto

La Direzione Marittima della Campania ha disposto subito l’invio in area dei propri mezzi nautici approntando il nucleo subacqueo per il suo successivo impiego in caso di necessità. Gli obiettivi sono due: garantire la rara attività di osservazione della balena e favorire, in sicurezza, il suo incanalamento in mare aperto. Per questo, personale scientifico e uomini della Guardia Costiera si sono adoperati per allontanare le navi nell’area interessata, evitando possibili ostacoli sul percorso del cetaceo.

Ed è così che intorno alle 14.40 la balena grigia ha preso il largo, immergendosi in località Punta Pennata e direzione Canale di Procida. Immediata dunque la risposta degli istituti Tethys Onlus e Zooprofilattico, della Stazione Zoologica ‘Anton Dohrn’ e dell’Asl Napoli 2. L’attività di osservazione è stata effettuata a cura dei biologi dell’Anton Dohrn e da un medico veterinario dell’Asl, i quali hanno eseguito i rilievi dopo essersi imbarcati su di una unità privata che ha seguito i mezzi della Guardia Costiera.