I carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata, supportati dai militari del Nucleo Cinofili di Sarno, hanno svolto un servizio ad “alto impatto”. Azione disposta dal comando provinciale di Napoli nel comune di Torre Annunziata e nei comuni limitrofi. I militari hanno incrementato la pressione sul territorio, dopo i recenti fatti criminosi, effettuando una serie di perquisizioni nell’area e numerosi posti di controllo. A Pompei e poi in territorio di Scafati, all’esito di una serie di verifiche e perquisizioni, un 40enne è finito in arresto. L’accusa è per detenzione abusiva di armi e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. L’uomo è trovato in possesso di una pistola semiautomatica Beretta, con matricola abrasa, e relativo caricatore contenente 7 proiettili calibro 380. L’arma era nascosta in una culla per bambini sul balcone della propria abitazione.

All’interno di un vaso decorativo posizionato lungo le scale dell’immobile, sono inoltre rinvenuti 3,2 grammi di “crack”, divisi in dosi, ed un bilancino di precisione. Fondamentale, per il raggiungimento del risultato, il supporto delle unità cinofile “Tex” e “Drago”, i pastori tedeschi addestrati per la ricerca di armi e stupefacenti, che hanno seguito le tracce del materiale illecito e guidato i militari fino al loro ritrovamento.