Alcune ragazze del Collettivo Abane dell’Accademia di Belle Arti stanno protestando a seno nudo nei pressi dell’edificio sgomberato stamattina dalle forze dell’ordine. Un blitz per porre fine all’occupazione iniziata il 18 febbraio.  La forma di protesta messa in atto da alcune studentesse richiama quelle del movimento «Femen», nato in Ucraina nel 2008. Le ragazze hanno deciso di manifestare così, spiegano, contro ogni forma di discriminazione. Ma soprattutto per rimarcare con forza la loro richiesta ai vertici dell’Accademia affinché sia istituito uno sportello contro le molestie.

Di recente, infatti, l’Accademia di Belle Arti di Napoli si trova al centro di una inchiesta della Procura che ha portato all’iscrizione del registro degli indagati di due docenti accusati di molestie. Proprio in tal senso era partita l’occupazione e poi oggi questa protesta che vuole essere molto forte.