È incappato in un controllo del territorio che ieri ha tenuto sotto scacco le città di Ercolano e di Torre del Greco. Un ladro ha rubato un furgone e trovatosi intercettato dai carabinieri, ha tentato di scappare, dando inizio ad un rocambolesco inseguimento che è terminato con il suo arresto. È accaduto tra Torre del Greco ed Ercolano, in manette è finito un 39enne. I carabinieri della sezione Radiomobile della compagnia di Torre del Greco sono stati allertati dal 112 e si sono messi alla ricerca di un furgone appena rubato. Il proprietario ha chiamato i militari, segnalando che gli avevano portato via il mezzo lungo via Nazionale. Una gazzella dell’Arma ha individuato il furgone lungo via Benedetto Cozzolino ad Ercolano. Ne è nato un inseguimento.

Alla vista della pattuglia, infatti, l’uomo aveva tentato di dileguarsi, dandosi alla fuga. Dopo avere tamponato leggermente un’auto perché gli cedesse la strada. Qui nel tentativo di effettuare un’inversione di marcia, il ladro è andato a colpire con la fiancata del furgone un palo dell’illuminazione in via Gramsci. A questo punto, ha deciso di scappare a piedi, abbandonando il mezzo che aveva rubato. Ma, dopo un centinaio di metri, si è trovato di fronte all’ostacolo di una recinzione. Ha quindi scavalcato il cancello, cadendo nel fossato di un terreno privato.  Nel tentativo di fuga, il 39enne ha avuto la peggio. Si è infatti fratturato un polso.