Home Articoli in Evidenza Revenge Porn, condannato uomo di Pompei. Ora la donna è scappata e...

Revenge Porn, condannato uomo di Pompei. Ora la donna è scappata e vive all’estero

Lui alla fine è condannato e anche Facebook dovrà spiegare perché non abbia vigilato su quanto accaduto. Ma intanto per una 57enne di Ruffano, in Puglia, all’epoca dei fatti 50enne, la vita è diventata un inferno. Tanto da doversi trasferire all’estero e creare una rottura con la sua famiglia. Vittima nei fatti di revenge porn ma siccome questo reato non era stato ancora introdotto quando a ottobre del 2014 l’ex pubblicò su un falso profilo Facebook le immagini dei loro rapporti sessuali. Due anni ed otto mesi di reclusione per V. V., 53 anni, di Pompei. Lo ha stabilito la sentenza del giudice penale del Tribunale di Torre Annunziata. Lei intanto che si definisse l’iter giudiziario lasciò il Salento e si trasferì all’estero per la vergogna.

I fatti

La pubblicazione di quelle immagini è ritenuta una ritorsione per la scelta della donna di mettere un punto alla relazione iniziata ad agosto del 2014 e terminata ad ottobre. La decisione arrivò dopo che durante un litigio fu colpita dall’uomo con uno schiaffo. Ed anche per l’atteggiamento possessivo e molesto dell’uomo. Pochi giorni dopo la donna fu contatta da alcuni amici per essere informata che sul suo profilo di Facebook erano pubblicate immagini dei rapporti intimi. Nonché foto delle sue parti intime, con l’invito esplicito ad accordarle l’amicizia rivolto a uomini della sua cerchia di amicizie.

Assistita dall’avvocato Giancarlo Sparascio, la donna presentò una denuncia alla polizia postale: quel profilo non lo aveva creato lei. Il principale sospettato era l’ex, anche per via dell’abitudine di scattare foto e fare video durante i loro momenti più intimi. E poi non aveva accettato la sua decisione di mollarlo.

Exit mobile version